Rassegna stampa

Web e giornalismo. Michele Serra: la conta dei clic distrugge il margine di discrezionalità del giornalista, la sua autonomia

Web e giornalismo. Michele Serra: la conta dei clic distrugge il margine di discrezionalità del giornalista, la sua autonomia

Leggi l’articolo originale

Michele Serra, L’Amaca su Repubblica, 2 gennaio – Il video del cretino russo (definito, non si sa bene sulla base di quali crediti, “influencer”) che butta dall’elicottero un’automobile da 200mila euro, galleggia ormai da diversi giorni sui principali siti di notizie. Inamovibile. La ragione è una sola, ed è presto detta: è tra i video “più cliccati”. E secondo una tendenza che sarebbe più appropriato definire Legge, per questa sua sola qualità – che poi è una quantità – lì deve stare, e difatti nessuno si azzarda a toglierlo. Il cliente ha sempre ragione, si diceva nelle ditte di una volta.

In termini di giudizio, non c’è discussione: è il video di un cretino che fa una cosa cretina per farsi notare. Ci è riuscito. Ci riuscirebbe anche chi postasse una gara di peti tra commilitoni, o la gallina cannibale, o sua nonna che canta l’Aida seduta sul water. Il repertorio dello “strano ma vero” è vecchio come il cucco, ed è uno degli ingredienti di base del giornalismo.

La vera novità è un’altra, e permettetemi di dire, senza margine di errore, che è una novità spaventosa. La conta meccanica dei clic, infallibile nel suo computo, in tempo reale, del “successo” di ogni singola notizia, sta distruggendo alla base, e senza scampo, il margine di discrezionalità del giornalista, la sua autonomia di giudizio, la sua libertà di scegliere (e di sbagliare) non a seconda di “quello che pensa la gente”, ma di quello che pensa lui. Centinaia di giovani valorosi giornalisti che si battono su quella sporca trincea rischiano di vedere crivellata dai clic, come una fucilazione alla schiena, ogni etica del mestiere, ogni illusione coltivata sui banchi delle scuole di giornalismo o di scrittura. Siamo ancora in tempo per rovesciare il tavolo?

Prima Comunicazione

January 2, 2020 at 11:37AM

Il tuo commento